Come organizzare un viaggio on the road in Scozia

Sognavamo da tempo un viaggio on the road in Scozia: natura selvaggia, paesaggi malinconici, laghi, castelli, mare impetuoso, un bel mix per chi come noi ama la natura. I ponti di primavera ci regalano 7 giorni di vacanza da passare in giro per le highlands!Come organizzare un viaggio in autonomia in Scozia

Certo organizzare un viaggio itinerante in autonomia non è mai semplice, soprattutto quando non si è mai stati in quel Paese, per aiutarti ho pensato di scrivere questo post con le informazioni utili per pianificare il tuo viaggio on the road in Scozia.

Prima di tutto devi decidere con quale mezzo spostarti. Noi abbiamo scelto l’automobile perché consente maggiore flessibilità durante gli spostamenti. Tieni però presente che la guida è a sinistra e le strade sono molto strette e tortuose. Per questo ti consiglio un auto con cambio automatico e tappe di massimo 200 km al giorno per non stancarti eccessivamente. Abbiamo affittato l’auto con Sixty, il costo per 5 giorni di noleggio comprensivo di tutte le assicurazioni possibili è stato di 400 Euro, piuttosto costoso.
Quindi devi decidere l’itinerario del tuo viaggio in Scozia. Prima di partire ho letto molti blog di viaggio per capire quale fosse il tour più adatto a noi. Volevamo scoprire i famosi paesaggi scozzesi, qualche castello, l’isola di Skye ma non correre troppo e avere il tempo di fare qualche passeggiata in mezzo alla natura, così è nato il nostro itinerario.

Una settimana on the road in Scozia: il nostro itinerario

I primi 2 giorni li passiamo ad esplorare Edimburgo, secondo me sufficienti per la città di cui ti parlerò dettagliatamente nel prossimo post.
Edimburgo è una città magica, non so se a suggestionarmi siano stati i libri di Harry Potter, ma passeggiando mi è parso di essere proprio in un libro della Rowling.
Viaggio in Scozia
Edimburgo
Quindi partiamo con la nostra Mini Cooper per il nostro on the road alla volta delle Highlands scozzesi. Facciamo un percorso circolare: ci dirigiamo verso la costa a nord est di Edimburgo, poi ci spostiamo ad Ovest sino all’isola di Skye e ritorno. In 5 giorni abbiamo percorso circa 1000 Km.
Edimburgo- Aberdeen 200 km
La prima tappa del nostro viaggio in Scozia è il Dunnottar Castle, il castello più bello e suggestivo visto durante l’intero tour.
Il Castello sorge su un promontorio a picco sul mare del Nord, impossibile non innamorarsi di un luogo del genere! La natura circostante è selvaggia come piace a noi: alte scogliere nere, erba verdissima, ginestra in fiore, vento forte e profumo di mare. Del castello restano soltanto dei ruderi, ma ti assicuro che è davvero suggestivo, e con la tua immaginazione capirai come potesse essere.
Organizzare un viaggio on the road itinerario on the rod in scozia
Scozia on the road, itinerario di una settimana
Dunnottar Castle

Dopo la visita al castello, ci dedichiamo a una piacevole passeggiata vista mare del nord sino al paesino di Stonehaven dove pranziamo e ci riscaldiamo un po’. Ti consiglio la passeggiata di circa 4 km, perché permette di entrare in contatto con la splendida natura scozzese e vedere il castello da ogni prospettiva.

 

Scozia on the road, itinerario di una settimana

Nel tardo pomeriggio siamo ad Aberdeen che scelgo come tappa ma da cui non mi aspetto molto. Aberdeen è detta la città di Granito per via della pietra grigia di cui sono fatte le costruzioni. Diciamo che con il cielo grigio i palazzi grigi non donano una grande allegria. Comunque passiamo una piacevole serata alla birreria BrewDog che produce ottime birre artigianali.
On the road in Scozia che fare
Brewdog
Aberdeen- Loch Ness – Inverness 200km
La meta è il famoso lago di Loch Ness…Cesare è convinto di avvistare Nessy il famoso mostro del lago.
Percorriamo la strada che passa attraverso il parco naturale di Cairngorms colline, prati verdi, pecore, narcisi in fiore e ogni tanto una fattoria. Un paesaggio idilliaco che sembra dipinto per noi.
Come organizzare un viaggio on the road in Scozia
Paesaggi scozzesi

Ci fermiamo per una pausa caffè e gli immancabili scones in un accogliente ed autentico caffè lungo la strada. Queste pause caffè lungo la strada sono molto piacevoli, il cibo è delizioso e i locali molto curati, in stile scozzese, insomma mi piacciono tantissimo.

Come fare ad organizzare un viaggio in autonomia in Scozia
Pausa caffè

Inoltre lungo la strada vediamo uno dei simboli della Scozia, le famose mucche pelose, di cui non si ci può non innamorare con quella bellissima e folta frangia. Si chiamano highlander e sono una particolare razza bovina che può resistere a bassissime temperature.

On the road in Scozia
Mucche pelose
Eccoci dopo un paio di ore a Loch Ness. La prima cosa che ci colpisce è la grandezza di questo lago, enorme. Visitiamo il castello di Urqhart, bello ma non quanto Dunnottar e soprattutto molto più caro è più inflazionato.
Come fare ad organizzare un viaggio in autonomia in Scozia
Urquhart Castle
Nel tardo pomeriggio arriviamo ad Inveness, graziosa e tranquilla cittadina sulla riva del fiume Ness. La città è considerata la porta d’accesso alle highlands, è molto comoda sia per raggiungere l’isola di Skye, sia per partire alla scoperta della North Cost 500 (tornerò per esplorare questa zona, dicono sia una delle strade panoramiche più belle d’Europa).
In Scozia non mancano le birrerie artigianali, anche qui ne troviamo una che ci piace molto si chiama Black Isle Brewery, se passi di qua non perdertela!
Inverness- Potree (Isola di Skye) 180km
Proseguiamo il nostro on the road in Scozia diretti a Skye. L’isola dal 1995 è collegata con la Scozia da un ponte, arriviamo attraversando le highlands in un paesaggio leggendario, malinconico ma estremamente affascinante.

Come fare ad organizzare un viaggio in autonomia in Scozia

Potree – Isola di Skye
Scozia on the road, itinerario di una settimana
Old man of Storr
Potree è il delizioso paese in cui soggiorniamo, minuscolo e fuori dal mondo, ma molto carino.
Da qui partiamo per la prima escursione all’ Old man of Storr. Semplicemente spettacolare! Un paesaggio che per certi versi ci ricorda i paesaggi patagonici, ampli spazi prima verdi poi brulli, aria fortissima e il mare sullo sfondo.
Potree – Glencoe 200km

Dedichiamo la mattina all’esplorazione della Trotternish Peninsula, una strada panoramica meravigliosa, ma tremendamente stretta e tortuosa, con i famosi passing place. Vale a dire strade in cui transita un’unica automobile, e se ne arriva un’altra in senso opposto si ci deve fermare nella piazzola lato strada ed attendere che passi.

Isola di Skye
Visita alla distilleria di Wisky. E partenza per GlenCoe paesino suggestivo, patria degli escursionisti, da qui si può raggiungere la montagna più alta del regno unito il Ben Nevis 1300 mt.
La natura qui sembra fatata, non a caso sono state girate alcune scene di Harry Potter.
Passeggiata nel bosco di Glencoe
Glencoe – aereoporto 210km
Dedichiamo la mattina a una breve camminata nel bosco da cui si ha una splendida vista sul lago. E dopo un pranzo veloce al Glencoe Caffè si parte per l’aeroporto!
Il nostro primo viaggio in Scozia termina qui, ma siamo certi che torneremo con più calma, vogliamo esplorare l’estremo nord e le isole.

Please follow and like us:
error

2 risposte a “Come organizzare un viaggio on the road in Scozia”

  1. Ho fatto questo due o forse tre viaggi on the road in Scozia qualche anno fa, ma sempre nel mese di agosto (non per scelta). Sono luoghi stupendi e ora vedendo le tue foto mi sembrano ancora più belli in primavera. Ora mi hai fatto tornare voglia di tornare in Scozia appena possibile!

    1. Ciao Silvia! Per me era la prima volta, non so perché ma ho troppo spesso rimandato questo viaggio, ora però ho già voglia di tornare. Effettivamente con la ginestra in fiore e i narcisi che spuntano ovunque il paesaggio credo fosse ancora più bello! E poi siamo stati molto fortunati con il meteo…zero pioggia! Ti auguro di tornare presto è davvero un bel posto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.