Tag

Vacanze al mare

Idee per viaggi  e vacanze al mare. I miei consigli sulle migliori località dove passare le vacanze al mare in piena libertà.

Amo moltissimo le isole, trovo che siano il luoghi migliori dove passare qualche giorno in totale relax e vivere appieno il mare.

Qui troverai i miei consigli per una vacanza al mare in Italia: Sicilia, Liguria, Puglia. Inoltre trovi tutte le informazioni per un viaggio alle isole Eolie dove c’è il giusto mix di mare e camminate nella natura.

Altra meta di mare che amo molto sono le isole Cicladi in Grecia, qui ho elencato le migliori isole che ho visitato ciascuna con una propria personalità.

Infine qualche suggerimento per una vacanza al mare in giro per il mondo.

You may also like
Sicilia
Cosa vedere a Ragusa e dintorni
18/09/2019
You may also like
Consigli per viaggiare, Grecia - Cicladi
Come arrivare e muoversi alle isole Cicladi
01/06/2020
Grecia - Cicladi
Le più belle spiagge di Milos, alle Cicladi.
07/08/2019
You may also like
Consigli per viaggiare, Grecia - Cicladi
Come arrivare e muoversi alle isole Cicladi
01/06/2020
Grecia - Cicladi
Serifos: il segreto nascosto delle Cicladi
04/09/2019
You may also like
Italia
Itinerari on the road in Italia tra arte e natura
20/05/2020
Italia
Scoprire le Langhe in bicicletta
25/04/2020
Italia
Vedere Matera in un giorno, il nostro itinerario.
23/04/2020
Europa

Weekend a Malta: cosa fare a La Valletta

La Valletta è la capitale dell’isola di Malta, nonché la capitale più piccola d’Europa. Se stai organizzando un weekend o una vacanza a Malta non puoi non includere nel tuo itinerario almeno un giorno a La Valletta, piccola perla barocca affacciata sul mar mediterraneo. La città è piccola e può essere esplorata camminando proprio come piace a me.

Le strade di Vittoriosa

In questo post trovi tutte le informazioni utili per organizzare il tuo viaggio e passare una splendida giornata alla scoperta di La Valletta.

Dove dormire

Alloggiamo nel centro storico di La Valletta, in un bellissimo e ampio alloggio finemente ristrutturato in Old Mint Street. La scelta è azzeccata, l’alloggio è molto ampio, moderno, lindo e pulito e comodissimo per visitare la città. Inoltre ottimo quando si torna stanchi la sera, infatti in pochi minuti a piedi si raggiungono i numerosi locali e ristoranti di La Valletta. Non avendo affitato un’ auto è molto comodo per gli spostamenti con gli autobus che girano in lungo e in largo per l’isola. Molti turisti scelgono di alloggiare a Sliema, che si trova proprio di fronte a La Valletta, è una zona più moderna ma senza l’anima della città vecchia.

Cosa vedere a La Valletta, la capitale di Malta

Comoda nel nostro alloggio di La Valletta

Cosa vedere a La Valletta, la capitale di Malta

Itinerario a piedi alla scoperta di La Valletta

La Valletta ci accoglie in una tersa e fresca giornata di sole di fine marzo, l’aria frizzante di mare risveglia i sensi dopo i mesi invernali e noi siamo pronti a camminare per scoprire le bellezze della città.

Partiamo dalla piazza Tritone e entriamo in città passando per Freedom Square la nuovissima piazza realizzata da Renzo Piano ed inaugurata nel 2016, imbocchiamo Republic Street la via principale di La Valletta su cui si affacciano numerosi negozi e bar.

Prima fermata alla Co-Cattedrale di San Giovanni, davvero imperdibile anche se non sei appassionato di chiese, essa fu per 200 anni chiesa conventuale dell’ordine dei cavalieri di San Giovanni. A proposito sai chi erano i Cavalieri di Malta? Erano i nobili di importanti casate europee che dovevano proteggere la fede cattolica e l’Europa dagli attacchi dei Turchi Ottomani.

L’interno della Cattedrale è incredibilmente ricco e sontuoso, un’esempio di arte barocca. Vale la visita ed i 10 Euro di biglietto solo per le 3 opere del Caravaggio, tra cui il meraviglioso dipinto ‘La Decollazione di San Giovanni’.

Cosa vedere a La Valletta, la capitale di Malta

La suntuosa Cattedrale di San Giovanni a LA Valletta

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

La decollazione di San Giovanni,Caravaggio

Usciti continuiamo lungo Republic Street sino al Forte di Sant’Elmo che si affaccia sul mare e proseguiamo la nostra passeggiata costeggiando il lungomare.
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Sosta ai Lower Barrakka Garden, i giardini rialzati da cui si gode di una splendida vista sul mare e sulla città.

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

Lower Barrakka Garden

Non riesco a smettere  di fotografare le bellissime verande colorate che caratterizzano la città, si chiamano Gallarja e ce ne sono di ogni colore. Io le adoro, così come mi piacciono le porte delle case colorate e i batacchi ognuno con una forma diversa: delfini, cavallucci marini, leoni. E poi la città con le case color miele che si abbina perfettamente con il blu del cielo e del mare, mi ammalia. Ciò che a mio avviso stona, perché mi paiono fuori contesto, sono le tipiche cabine telefoniche inglesi rosse…non te le aspetti in una città così mediterranea.

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

La Valletta – Statue di santi e Gallerja

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

Porte colorate e batacchi unici

Arriviamo agli Upper Barrakka Garden dove si ha una magnifica vista dall’alto sulle 3 città. Qui utilizziamo l’ascensore che ci porta all’attracco dei traghetti che fanno la spola tra La Valletta e le 3 città, con tale nome si indicano le 3 città fortificate Birgu (o Vittoriosa), Senglea e Cospicua che si trovano proprio di fronte a La Valletta. Si possono raggiungere con il traghetto e con le tipiche e colorate imbarcazioni dette Luzzo. Ci perdiamo perle le stradine di Vittoriosa fino a quando la fame non si fa sentire.

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

Tipica imbarcazione maltese detta luzzo

cosa vedere a Malta in 3 giorni

Vittoriosa

Rientrati nel tardo pomeriggio ci dirigiamo a Sliema da cui si ha una splendida vista d’insieme su La Valletta. Anche in questo caso utilizziamo il comodo traghetto che ogni 15 minuti parte per Sliema da La Valletta.

Malta, Cosa vedere a La Valletta,

Vista su La Valletta da Sliema

Dove mangiare a La Valletta

La vicinanza con l’Italia e i numerosi italiani che vivono a Malta hanno influenzato molto la cucina locale. Durante il nostro weekend lungo a La Valletta proviamo diversi ristoranti carini, in cui mangiamo bene ma in prevalenza specialità italiane. La viuzza che ti consiglio per cenare è Strait Street, una volta strada malfamata con numerose case chiuse poiché molto vicina al porto, oggi completamente cambiata, molto trendy con numerosi locali e ristoranti.

Dove mangiare a La Valletta Malta

Ti consiglio questi 3 locali:

Ortygia: ristorante italiano con cucina sicula. Ottimo cibo, in particolare buonissimi i ravioli di pesce, buona carta dei vini e ambiente accogliente.

Trabuxo: curato e caratteristico, ottimo cibo e buona accoglienza.

67 Kapitali: ottima birreria in cui provare le birre maltesi, buonissimi anche i panini, super consigliato.Weekend a Malta

 

You may also like
Amsterdam, Europa
Come organizzare un weekend perfetto ad Amsterdam
18/11/2019
Europa
Organizzare un weekend a Barcellona
07/11/2019
Europa
Cosa vedere a Malta in 3 giorni
03/04/2019
Europa

Cosa vedere a Malta in 3 giorni

Stai organizzando un weekend a Malta ma hai dei dubbi su cosa fare?  In questo post trovi tutte le informazioni utili per organizzare il tuo prossimo viaggio nella bellissima Malta.

Per anni ho snobbato Malta, non l’ho mai seriamente presa in considerazione come meta per un weekend o una vacanza al mare. Poi complice un’offerta Ryanair e Cesare che voleva visitarla, eccomi a prenotare un weekend lungo di fine marzo a Malta.

Perchè visitare Malta?

Le ragioni per visitare la piccola isola posta a Sud della Sicilia sono innumerevoli.
Innanzitutto è facile da raggiungere dall’Italia, in meno di 2 ore di volo. Malta è una meta molto adatta a qualsiasi viaggiatore anche ai meno esperti dei viaggi fai da te. Sebbene la lingua parlata a Malta sia incomprensibile essendo un mix di Italiano, francese ed arabo, molti abitanti del posto parlano italiano, e moltissimi italiani lavorano a Malta nel settore del turismo, quindi anche se non parli inglese non avrai problemi. Inoltre è servita da una fitta rete di bus che permettono di raggiungere ogni parte dell’isola senza la necessità di affittare un’automobile.
Malta è ricca di cultura e di storia, ha delle bellissime città barocche, come capitale La Valletta, ma ha anche uno splendido mare, insomma si potrà passare un weekend o una settimana senza rischiare di annoiarsi.

I balconi (gallarija) di Malta

Come spostarsi a Malta

Malta è stata dominata a lungo dalla Gran Bretagna, per questa ragione la guida qui è a sinistra. Le opzioni per spostarsi sono 2: affittare un’auto o utilizzare la fitta rete di autobus.
Visto i pochi giorni a disposizione noi abbiamo optato per l’utilizzo degli autobus. Prima della partenza mi sono documentata e ho trovato pareri discordanti in merito. La nostra esperienza è stata molto positiva. Gli autobus a Malta sono molto economici 1,50 Euro il costo del biglietto con validità 2 ore e sono stati sempre puntuali.
Soggiornando a La Valletta la stazione degli autobus è in Via Nelson, subito fuori dalle mura del centro storico.
Per raggiungere la capitale dall’aeroporto potete utilizzare sia l’autobus che il taxi costo fisso 17 Euro, tempo di percorrenza circa 20 minuti.
Se cerchi informazioni sui trasporti a Malta consulta il sito www.publictransport.com.mt

Cosa vedere a Malta in 3 giorni

Il mio itinerario di 3 giorni a Malta mi ha soddisfatto pienamente e per questo lo voglio condividere con te.

cosa vedere a Malta in 3 giorni

La Valletta

cosa vedere a Malta in 3 giorni

Il primo giorno lo dedichiamo alla scoperta di La Valletta, di cui ti parlerò più dettagliatamente nel prossimo post.
La città è una vera perla: alte mura di cinta l’hanno protetta dalle incursioni, case color miele, balconi e porte colorate, chiese e statue di santi. Una splendida città  barocca, ad ogni angolo vien voglia di scattare una fotografia.
Assolutamente da visitare la Co-Cattedrale di San Giovanni sia per il suntuoso interno barocco sia perché qui si possono ammirare ben 3 opere del Caravaggio.
La nostra passione per la natura e le camminate ci porta ad esplorare la zona delle Dingli Ciffs prendendo l’autobus numero 56.
cosa vedere a Malta in 3 giorni

Dingli Cliffs

cosa vedere a Malta in 3 giorni

Qui abbiamo facciamo una rilassante passeggiata di 6 km per raggiungere il punto panoramico da cui ammirare le alte pareti bianche a picco sul mare. Lungo il percorso incontriamo molte persone che fanno picnic vista mare. La macchia mediterranea e tante margherite gialle ci accompagnano lungo il percorso.
Nel primo pomeriggio torniamo a prendere l’autobus numero 201 che ci porta a Rabat e Mdina, giusto per pranzo. Ci fermiamo a pranzo da Coogi’s un grazioso ristorante che ti consiglio sia per l’ottimo cibo che per la bella terrazza con vista panoramica sull’isola.
cosa vedere a Malta in 3 giorni

Ristorante Coogi’s a Mdina

cosa vedere a Malta in 3 giorni

Mdina

cosa vedere a Malta in 3 giorni

Mdina è l’antica capitale di Malta, una piccola città fortificata estremamente curata. Anche qui come a La Valletta il barocco la fa da padrone. In città non circolano automobili ma solo carretti trainati da cavalli, proprio per questo motivo è detta la città silenziosa.

Infine ci dirigiamo a Rabat, dove visitiamo le Catacombe di San Paolo le più estese dell’isola. Un mondo sotterraneo utilizzato prima come città sepolcrale e poi come rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale. Ritorniamo a La Valletta con il bus 52.

cosa vedere a Malta

Rabat

Il terzo e ultimo giorno lo dedichiamo al mare. Grazie ai suggerimenti degli amici di Una Nuova Meta che vivono da più di un anno a Malta raggiungiamo la spiaggia di Ghajn Tuffieha con l’autobus 44.
Il colore predominante in questo tratto di costa è il rosso della sabbia e delle rocce. Il mare ha colori molto belli, peccato la giornata sia nuvolosa, se no ci saremmo volentieri rilassati un po’ al sole.
Qui è anche possibile fare una bella passeggiata vista mare di 3km e ovviamente non perdiamo l’occasione.cosa vedere a Malta in 3 giorni cosa vedere a Malta
Il nostro weekend lungo a Malta volge al termine, siamo molto soddisfatti, sono stati 3 giorni passati tra cultura, natura e mare, ci serviva dopo l’inverno!
Sappiamo che Malta ha ancora molto da offrire e perciò torneremo, anche per passare un paio di giorni nella vicina isola di Gozo.
You may also like
Amsterdam, Europa
Come organizzare un weekend perfetto ad Amsterdam
18/11/2019
Europa
Organizzare un weekend a Barcellona
07/11/2019
Europa
Weekend a Malta: cosa fare a La Valletta
17/04/2019
Organizzare un viaggio fai da te in Australia
Australia

Scoprire Sydney in tre giorni

In questo post ti porto alla scoperta di Sydney, la metropoli australiana immersa in un contesto naturale strepitoso.

Cielo azzurro, mare blu, alberi in fiore, Sydney ci accoglie così in una tersa giornata di primavera. L’emozione che provo quando giungo in questa città così lontana, a lungo sognata, difficile da descrivere, è un insieme di euforia ed agitazione. Lasciate le valigie nel nostro appartamento di Surrey Hill, ci dirigiamo rapidamente verso l’Opera House. Arriviamo alla baia giusto in tempo per il tramonto, lo spettacolo che mi trovo di fronte è di una bellezza da togliere il fiato, semplicemente mi travolge.

Nella vita ci sono momenti in cui tutto sembra perfetto, in cui la bellezza ti circonda e non vorresti essere in nessun altro luogo al mondo, questo è il prima sensazione che ho provato a Sydney.

Felice a Sydney

I quartieri di Sydney: quale scegliere.

Ma veniamo al lato pratico,  innanzitutto quando si sta organizzando un viaggio è scegliere il quartiere dove soggiornare.
Surrey Hill è il quartiere che ho scelto e che per me è stata una scelta azzeccatissima. Si tratta di un quartiere residenziale, trendy, con moltissimi caffè e ristoranti. Perfetto per le colazioni, brunch e per la cena. Inoltre è piuttosto vicino al centro città che si può raggiungere a piedi in 15 minuti o con i mezzi.

In particolare nel quartiere ho scoperto un bar delizioso gestito da una famiglia giapponese, si chiama Organism ed è stato il nostro posto di riferimento per le colazioni. Abbiamo mangiato dei waffle strepitosi che ci hanno dato la giusta carica per affrontare le giornate in giro per la città. Inoltre nel quartiere ci sono moltissimi locali in cui bere una birra o provare tipi di cucine differenti: dall’asiatico al messicano.

Scoprire Sydney

Surrey Hill

Scoprire Sydney

CDB è il vero centro della città, grattacieli, uffici, negozi. Comodo per raggiungere il Circular Quay, ma a mio avviso un po’ privo di carattere. Qui ci sono tutte le catene alberghiere più famose, la zona è centralissima ma un po’ caotica.

3 giorni a Sydney

CDB – Sydney

The Rocks il quartiere più antico di Sydney e addirittura di tutta l’Australia, molto curato e molto turistico (un po’ troppo per me). Comodo per raggiungere l’Opera House e l’ Harbour Bridge.

Bondai Beach un quartiere molto bello, rilassante, hippy, dove mare, surf e yoga la fanno da padroni. Mi è piaciuto moltissimo ma per visitare la città è troppo decentrato, quindi da scegliere solo nel caso in cui si voglia fare mare o se hai molto tempo.

Bondi beach

5 cose da non perdere a Sydney

Vedere la Baia di Sydney al tramonto mi ha emozionata moltissimo, una bellezza mozzafiato. Per quante fotografie e video avessi visto di questa città trovarmi lì è stato un momento magico. La baia è immensa, gremita di persone turisti e persone del luogo che si rilassano davanti a una birra, il cielo che da azzurro diventa rosa, l’aria di mare…che belle sensazioni. Dopo aver scattato un milione di fotografie, decidiamo di fare quella che apparentemente ci sembra una follia ossia prendere un aperitivo all’ Opera House. In realtà un bicchiere di ottimo Merlot costa 15 Euro, siamo d’accordo non è economico ma siamo pur sempre all’Opera House e di fronte abbiamo l’Harbour Bridge, quindi ne vale la pena! L’Opera House è una costruzione unica, simbolo iconico di Sydney, le sue cupole bianche ricordano le vele delle barche che affollano il porto della città.

3 giorni a Sydney

La Baia al tramonto

3 giorni a Sydney

3 giorni a Sydney

Aperitivo all’Opera House

L’altro simbolo di Sydney è certamente Harbor Bridge, il ponte inaugurato nel 1932 unì 2 parti della città che fino al quel momento erano collegate soltanto via mare. L’idea migliore è quella di percorrere il ponte a piedi. Se avrai la fortuna che abbiamo avuto noi di poterlo fare in una tersa giornata di primavera avrai una visuale meravigliosa su tutta la baia di Sydney. Potrai farti un’idea ben precisa di quanto è immensa questa città.

Harbour Bridge a Piedi

Scoprire Sydney

Scoprire Sydney

Dall’altra parte del ponte

Una giornata al mare tra surfisti e appassionati di yoga a Bondi Beach. Non si può andare a Sydney senza visitare le sue spiagge iconiche come quella di Bondi, un’ ampia spiaggia con onde possenti, paradiso del surf. L’atmosfera di Bondi è rilassata e un po’ hippy, sembra che qui nessuno abbia altro da fare se non seguire una lezione di yoga o andare a fare surf. Io naturalmente non ho perso l’occasione di immergermi nell’atmosfera e provare una lezione del mio amato yoga. Inoltre da Bondi puoi fare una piacevole passeggiata lungomare sino  alla spiaggia di Bronte, altra spiaggia bellissima, e quindi stare a rilassarsi una po’ al mare entando nel mood del luogo. Ciò che rende straordinaria Sydney è che pur essendo una metropoli si trova in un contesto naturale eccezionale.

Scoprire Sydney

Bondi Beach

Scoprire Sydney

Scoprire Sydney

Passeggiata lungomare da Bondi a Bronte

Manly altra zona di mare straordinaria, raggiungibile tramite traghetto dal Circular Quay in mezzora di navigazione. Un bellissimo tragitto nella baia, attorniati da tantissime barche a vela, un numero esagerato. A Manly l’atmosfera è rilassata e chic e c’è un mare pazzesco. Noi ci siamo pentiti moltissimo di non aver con noi l’attrezzatura da  snorkeling perchè l’acqua era trasparente e tersa.
Sydney

Manly

Una passeggiata nell’enorme Botanic Royal Garden il parco cittadino che è l’equivalente di Central Park a New York. Qui vedrai tante persone che si dedicano ai più disparati sport. Il mio programma per il futuro è venire qui la sera di capodanno per vedere gli spettacolari fuochi d’artificio…che per ora  ho visto solo in televisione.

Scoprire Sydney

Royal Botanic Garden

Scoprire Sydney

Tu sei mai stato a Sydney? Fammi sapere le tue impressioni.
You may also like
Australia
Magnetic Island: l’isola dei koala sulla Barriera corallina australiana
06/02/2019
Australia
Dove fare snorkeling alla Grande Barriera Corallina: Michaelmas Cay
23/01/2019
Australia
Cairns: tra grande barriera corallina e foresta pluviale
28/11/2018
Asia

Dubai tra grattacieli e deserto

Dubai non è mai stata in cima alla lista dei miei desideri, per un’amante della natura non è esattamente il massimo, comunque mi incuriosiva questa città futuristica nata in mezzo al nulla.

Grattacieli, gru, strade a 5 corsie in città, sabbia, aria secca, mare, negozi e ristoranti da ogni parte del mondo, così si presenta la città nel viaggio che dall’aereoporto ci porta al nostro hotel moderno e profumato d’incenso a Marina Dubai.

Le 5 cose che mi sono piaciute di Dubai

Marina Dubai è il quartiere nuovissimo sorto lungo il più grande porto artificiale del mondo. La passeggiata lungo il porto è piacevole con tanti bar e ristoranti. Da qui si può raggiungere la spiaggia The beach una lunga striscia di sabbia chiara con un mare calmo. Non pensare ad un mare dai colori caraibici, ma una buona soluzione se durante il freddo invernale vuoi fuggire al caldo e farti un bagno. Inoltre ci sono molti locali da tutto il mondo, io ad esempio ho mangiato una Cheesecake al Cheesecake Factory!

Cosa fare a Dubai in 3 giorni

Marina Dubai

Cosa fare a Dubai in 3 giorni

The Beach

Burj Khalifa il grattacielo più alto del mondo 555 metri. Salire in cima al Burj Khalifa (o almeno fino al 125 piano come abbiamo fatto noi) è un esperienza da non perdere. Il costo dell’ascesa al 125 piano è di 30 euro circa, mentre per salire sino al 148 il prezzo sale a 75 euro. Molto importante ricorda che l’ascensore si prende all’interno del Dubai Mall…non fare come noi che abbiamo girato come pazzi intorno al grattacielo cercando disperatamente l’ingresso. Prendere l’ascensore è un’esperienza nell’esperienza: velocissimo, con  musica rilassante, luci soffuse, man mano che si sale viene indicato anche a che altezza si ci trova. Dall’alto si ha una vista magnifica sull’intera città. Noi siamo saliti la sera e l’abbiamo visto Dubai sfavillante tutta illuminata.

3 giorni a Dubai

Burj Khalifa

Cosa fare a Dubai in 3 giorni

Burj Khalifa – il grattacielo più alto del mondo

Dubai Mall il centro commerciale più grande del mondo. Amanti dello shopping questo è il luogo che fa per voi…negozi di ogni genere, marchi più disparati, ristoranti e bar. Io non amo per niente i centri commerciali ma una visita qui è d’obbligo. Di dimensioni più ridotte e  più rilassante il Mall of Emirates, dove potrai prenderti un caffè mentre sulla pista da sci interna sfrecceranno impavidi sciatori.

Mall of Emirates

Una cena da mille e una notte. Dubai offre una varietà di ristoranti e locali senza uguali, quindi assolutamente da organizzare una cena diversa dal solito. Grazie ai miei amici che vivono a Dubai siamo stati in un ristorante libanese stupendo, all’interno dello splendido complesso Madinat Jumeira un complesso di hotel e ristoranti proprio di fronte al Burj Al Arab il lussuoso hotel a forma di vela. Magnifica esperienza, atmosfera da mille e una notte: giardino arabo e canali, si raggiunge il ristorante utilizzando l’abra tipica imbarcazione in legno. Mangiamo nel giardino con luci soffuse e vista sulla vela illuminata, veramente una bella serata.Cosa fare a Dubai in 3 giorni

Una giornata nel deserto. L’esperIenza che più mi ha entusiasmata di questi 3 giorni a Dubai è stata la gita nel deserto. Come grande amante della natura poter finalmente vedere il paesaggio unico del deserto di sabbia è stato meraviglioso. Vi racconterò nel dettaglio la mia esperienza nel prossimo post.

Cosa fare a Dubai 3 giorni

Le mie impressioni su Dubai

In conclusione posso dirti che Dubai è una città che non ha la personalità e il fascino di altre metropoli ma che può essere una buona meta se vuoi fuggire dal freddo invernale, da Novembre a Febbraio. Si raggiunge in sole 6 ore dall’Italia, è una città pulita, ordinata, sicura, con hotel e locali di livello, negozi di ogni genere. Se sei un viaggiatore seriale come me penso dovresti vederla almeno una volta nella vita. Magari decidere di fare uno scalo , noi ci siamo a Dubai di ritorno dal nostro viaggio in Australia: non ci è costato nulla, abbiamo visto una nuova città e abbiamo iniziato a recuperare il fuso orario (10 ore avanti a Sydney rispetto all’Italia, mentre Dubai solo 3 ore).

Tu cosa pensi di questa città del Golfo Persico nata in mezzo al deserto? Vorresti visitarla, l’hai già fatto? Fammi sapere le tue impressioni.

You may also like
Asia
Escursione nel Deserto di Dubai: un’esperienza da provare
20/02/2019
Asia
Cosa fare alle isole Gili: nuotare con le tartarughe.
11/04/2018
Asia
Bangkok: le mie impressioni
24/01/2018
La Morra
Italia

Idee per una vacanza tra Piemonte e Liguria

L’ispirazione per questo post mi è venuta un weekend di metà settembre. Il sabato l’ho trascorso tra le dolci colline del Piemonte e la domenica al mare in Liguria.

Mi sono detta: io conosco bene questa zona ed a volte la d0′ per scontata, ma per chi non la conosce unire in un solo viaggio queste due zone belle e differenti potrebbe essere una grande idea.

Colline delle Langhe- Barolo

Le Langhe: enogastronomia e slow travel

Vivo a Mondovì caratteristico paesino nel cuore del Piemonte, porta di accesso della regione collinare vinicola chiamata Langhe.

Le Langhe sono una zona di straordinaria bellezza: le dolci colline ricoperte di vite sono state dichiarate Patrimonio Unesco nel 2016. Qui vengono prodotti i vini più famosi e conosciuti del Piemonte: Nebbiolo, Barolo, Barbaresco.

Percorre la strada che collega Mondovì ad Alba per me è sempre un piacere. Il percorso che passa per Novello, La Morra e Barolo è unico, sembra un dipinto. Transitando in qualsiasi stagione non posso non fermarmi per scattare qualche fotografia: verdissimo a inizio settembre, multicolore ad Ottobre, bianco con la neve a gennaio.

Langhe in autunno

I colori dell’autunno

Guidare tra le vigne è come essere in un film, in cui il protagonista percorre la strada fermandosi nelle cantine per una degustazione. La realtà è più triste della mia immaginazione, spesso percorro questa strada per lavoro e fermarsi in una cantina non è parte del programma.

Le Langhe sono una zona ideale per gli amanti dell’ slow travel  e dell’enogastronomia. Passare 3-4 giorni o una settimana passeggiando tra i sentieri in mezzo alle vigne, fermandosi per una degustazione, un pranzo in una delle tante trattorie dove si possono assaggiare i piatti tipici della tradizione piemontese è veramente piacevole. Gli amanti della bicicletta poi potranno esplorare la zona in bici o con la bicicletta elettrica.

Langhe in bicicletta

Pranzo Piemontese

Ravioli

I paesi da tenere a mente per esplorare la zona sono Novello, Barolo, La Morra, Monforte. Potete trovare una varietà di alloggi dal B&B alle tenute di lusso con piscina e vista sul meraviglioso paesaggio.

Un po’ di mare in Liguria

Ma perchè accontentarsi di una sola regione quando se ne possono vedere 2? Ecco allora che la vacanza può continuare con qualche giorno di relax al mare.

Mondovì si trova a metà strada tra le Langhe e la costa ligure che più mi piace che va da Bergeggi a Varigotti.

Il mare di Bergeggi

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Indicativamente da Novello ci impegnerete un’ora e 15 a raggiungere la Liguria. In particolare ti consiglio questo tratto di costa che comprende un’area marina protetta.

Il primo paese che si incontra dopo Savona è Bergeggi, un tratto di costa che è appunto parco naturale. Qui tra il profumo di pino marittimo e un acqua cristallina non vorrete più andar via, almeno a me succede così. Successivamente trovate Spotorno, Noli e Varigotti.

Varigotti è un’altra cittadina che adoro, un mare eccezionale e un centro cittadino curato e colorato.

Varigotti

Inoltre gli amanti dell’enograstronomia non resteranno delusi.

Le specialita’ piemontesi: ravioli, tagliatelle, tartufo, nocciole e cioccolato. A quelle liguri: focaccia, farinata, troffie al pesto, pesce.

Insomma se già non avessi la fortuna di viverci, sicuramente ci verrei in vacanza.

Che ne pensi di una vacanza di questo genere? Che unisce due pezzi d’Italia con caratteristiche differenti ma di estrema bellezza?

You may also like
Italia
Itinerari on the road in Italia tra arte e natura
20/05/2020
Italia
Scoprire le Langhe in bicicletta
25/04/2020
Italia
Vedere Matera in un giorno, il nostro itinerario.
23/04/2020
Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno
Italia

Come visitare Siracusa in un giorno

Un giorno è troppo poco per scoprire la magnifica città di Siracusa, dovremo tornare per vivere più intensamente questa città che ci ha incantati.

In una calda giornata di fine luglio, prima di lasciare Catania per raggiungere le isole Eolie, decidiamo di andare a Siracusa. Prendiamo il treno da Catania e arriviamo comodamente in un’oretta.

Ortigia il cuore pulsante di Siracusa

Ci dirigiamo a piedi verso Ortigia: un’isola di 1 kmq che costituisce la parte più antica della città di Siracusa, oggi collegata alla terraferma tramite 2 ponti. Appena arrivati ci perdiamo tra i banchetti del mercato, ma molto rapidamente abbandoniamo la confusione e iniziamo a vagare senza meta tra i vicoletti.

Ortigia

 

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Vicoli di Ortigia

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

I balconi di Ortigia

Tempio

L’attività migliore per scoprire questa caratteristica parte della città è camminare per i suoi vicoli stretti ad ammirare le case di pietra bianca, i palazzi barocchi, le porte e i balconi. Curiosare tra le vetrine delle botteghe artigiane e magari fermarsi per rinfrescarsi con una bella granita.

Dopo una bella camminata arriviamo nella scenografica piazza del Duomo, piazza di una bellezza mozzafiato, a mio parere una delle più belle d’Italia. Al modico prezzo di 2 Euro visitiamo il Duomo patrimonio Unesco dal 2005, all’interno si possono ammirare le splendide colonne dell’antico tempio greco della Dea Atena (480 a.C.). su cui è stato costruito il duomo barocco. Una delle principali caratteristiche di Siracusa è quella di essere stata un’importante città ai tempi della Magna Grecia. Reperti greci si trovano sparsi un po’ per tutta la città.

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Piazza Duomo Siracusa

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Io e Cesare in Piazza Duomo a Siracusa

Visitiamo anche la Chiesa di Santa Lucia che si trova nella medesima piazza, all’interno si può ammirare il quadro di Caravaggio il Seppellimento di Santa Lucia, non perderti l’occasione.

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Chiesa Santa Lucia

Proseguiamo il nostro tour verso il mare, percorrendo il lungomare di Levante. Capisco che prendere un aperitivo all’ora del tramonto qui deve essere molto rilassante, e mi pento di non poter restare almeno una notte.

A pranzo ci fermiamo da Sicily Fish and Chips, un posticino semplice con un fritto di pesce superlativo, super consigliato!

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Lungomare a Ortigia

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

Visitare Siracusa e Ortigia in un giorno

un bel fritto!

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Parco archeologico della Neapolis

Dedichiamo la seconda parte della giornata alla scoperta del parco archeologico, ma prima bisogna raggiungerlo. Il parco archeologico si trova nella parte alta della città, piuttosto distante da Ortigia. Dopo un po’ di attesa prendiamo l’autobus cittadino n.2 che ci porta all’ingresso del parco. Qui immerso nel verde della macchia mediterranea ci sono tesori senza tempo da scoprire.

L’orecchio di Dioniso: una cavità artificiale alta 30 metri la cui forma ricorda quella di un orecchio. La grotta amplifica la voce e deve il suo nome al fatto che il tiranno Dioniso vi rinchiudeva i suoi prigionieri per ascoltare anche i loro sussurri.

Il teatro greco: maestoso, conservato perfettamente. Un bianco acceccante che si staglia contro un cielo blu. Seduta sulle gradinate, guardo il golfo di Siracusa e mi sento parte di una storia millenaria.

Teatro greco di Siracusa

Infine l’anfiteatro romano, qui si passa davvero attraverso la storia dai greci ai romani in meno di 100 metri.

«L’intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza immaginazione?» diceva Sciascia e dopo aver visitato Siracusa ed Ortigia le sue parole mi sembrano quanto mai azzeccate!

Unico rimpianto non essermi fermata almeno 3 giorni o anche una settimana, magari la prossima volta faro’ tappa a Siracusa e la userò come base per esplorare la zona del Barocco siciliano…che adoro!

Tu hai visitato questo angolo d’Italia? Oppure ti piacerebbe vederlo? Fammi sapere cosa ne pensi!

 

You may also like
Italia
Itinerari on the road in Italia tra arte e natura
20/05/2020
Italia
Scoprire le Langhe in bicicletta
25/04/2020
Italia
Vedere Matera in un giorno, il nostro itinerario.
23/04/2020
Close